Home  
  
  
    Viaggi: i documenti per i bambini
Cerca

Viaggi e vacanze con i bambini
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

I documenti per viaggiare con i bambini

L'estate è alle porte e tutti si stanno preparando a partire per le vacanze. Che siano in Italia, in Europa o oltreoceano occorre verificare, prima della partenza, di essere in possesso di tutti i documenti necessari per poter viaggiare in sicurezza e tranquillità. Non c'è niente di peggio di dover rinunciare ad una vacanza all'ultimo momento, a causa di un banale disguido burocratico. Vediamo insieme quali solo i documenti necessari per poter viaggiare con i bambini, in base alla destinazione ed al mezzo di locomozione scelto.

Viaggi: i documenti per i bambini
© Getty Images

Documenti per viaggiare in Italia

Anche per i viaggi all'interno dei confini nazionali è necessario dotare i bambini di un proprio documento. Molti alberghi e campeggi richiedono un documento di identità anche per i minori e lo stesso vale per le compagnie aeree anche per le tratte interne. Per viaggiare in treno non sono invece necessari documenti particolari, ma per usufruire di certe tariffe agevolate per i bambini occorre presentare un documento del minore e la sola tessera sanitaria non è più sufficiente.

Il documento migliore per gli spostamenti in Italia è senza dubbio la semplice carta di identità, che da qualche anno viene rilasciata in automatico al momento della nascita. Per i viaggi in aereo, è necessario che il bambino sia accompagnato da almeno un genitore. Nel caso in cui viaggi con un altro parente o accompagnatore dovrà essere fornito alla compagnia aerea un documento rilasciato dalla Questura di riferimento nel quale i genitori affidano il minore all'accompagnatore.

Documenti per viaggiare in Europa

Per viaggiare in Europa in passato veniva rilasciata la Carta Bianca valida per l'espatrio ai minori di 15 anni. Oggi, con la possibilità di avere sin dalla nascita una propria carta di identità, questo documento non è più necessario ma ancora richiedibile. La carta di identità, resa valida per l'espatrio, è il documento richiesto per gli spostamenti dei minori all'interno della Comunità Europea ed in alcuni paesi extracomunitari con i quali l'Italia ha degli accordi turistici particolari.

Occorre controllare prima della partenza la lista dei paesi in cui è possibile recarsi con la carta d'identità, l'elenco può subire cambiamenti in qualsiasi momento. Al giugno 2013, i paesi raggiungibili sono: Albania, Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Gibilterra, Grecia, Irlanda, Islanda, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Monaco, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia, Ungheria.

Per i viaggi in Egitto occorre un visto aggiuntivo che verrà rilasciato in loco per il quale sono necessarie due fototessera. Gli ingressi in Marocco e Tunisia sono consentiti soltanto per chi viaggia in gruppo con un tour operator tra quelli autorizzati.

ATTENZIONE: La carta di identità valida per l'espatrio consente ai minori di 14 anni di viaggiare esclusivamente con uno o entrambi i genitori. Non possono quindi viaggiare con i nonni o con altri parenti o amici. Per poter effettuare un viaggio senza i genitori occorre compilare un apposito documento da richiedere presso la Questura di riferimento, in cui mamma e papà dichiarano di affidare il minore alla tal persona (o al tal ente in caso di un viaggio studio) che farà in tutto e per tutto le loro veci durante il viaggio.

Documenti per i viaggi extra europei

Per uscire dai confini della Comunità Europea è necessario possedere un passaporto. Un tempo era sufficiente inserire i minori sul passaporto di uno o di entrambi i genitori ma lo scorso anno le normative sono state cambiate. Ora ogni minore deve avere un proprio passaporto che deve però essere collegato a quello dei genitori. Come per la carta di identità, i bambini fino ai 14 anni possono viaggiare soltanto alla presenza di uno o più genitori.

La carta di identità per i bambini

Se i vostri figli non hanno una propria carta di identità è possibile rimediare con una certa facilità ed in tempi brevi. Per ottenerla è infatti sufficiente recarsi presso l'anagrafe del proprio comune di residenza insieme al bambino muniti di 3 fototessere del minore. Per rendere la carta d'identità valida anche per l'espatrio è sufficiente che i genitori ne facciano richiesta ma devono essere predenti entrambi al momento del rilascio

Fino ai 14 anni però, il bambino potrà lasciare il paese e viaggiare all'interno dei paesi europei soltanto se accompagnato dai genitori. Il documento viene rilasciato immediatamente ed è valido sin da subito. La carta deve essere rinnovata ogni 5 anni fino al compimento del 18mo anno di età, quando verrà sostituita con il formato previsto per gli adulti.

Il passaporto per i bambini

Prima di programmare un viaggio all'estero occorre sempre verificare se i tempi di rilascio del passaporto siano compatibili con la data della partenza. Solitamente il rilascio di questo documento può richiedere un periodo dalle due settimane ai tre mesi di attesa, a seconda delle dimensioni del comune di residenza. Per fare richiesta del passaporto occorre recarsi presso la Questura di riferimento muniti di fototessere e dei passaporti di entrambi i genitori. Al bambino verrà richiesto anche di apporre le proprie impronte digitali, anche per il passaporto in formato elettronico necessario per i viaggi negli Stati Uniti.

I documenti per l'assistenza sanitaria dei bambini in viaggio

In qualsiasi struttura medica italiana è possibile ricevere cure e prenotare visite ambulatoriali presentando la sola tessera sanitaria.

Questo documento, rilasciato in automatico ad ogni bambino al momento della nascita ed inviato direttamente a casa ad ogni rinnovo, consente di ricevere assistenza medica anche all'interno di tutti i paesi dell'Unione Europea. Non sono quindi più necessari i famosi modelli E110 ed E111 che in passato occorreva richiedere presso la propria USL di riferimento.

Alcuni paesi al di fuori della Comunità Europea hanno una convenzione particolare con il governo italiano che consente di poter ricevere assistenza medica gratuita esibendo la medesima tessera.

Per conoscere l'elenco dei paesi al momento convenzionati è sufficiente visitare il sito del Ministero della Salute.

Commenta
24/06/2013

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Test famiglia

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Calcola la data del parto