Home  
  
  
    L'insonnia pediatrica
Cerca

Il sonno del bambino
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Bambini e insonnia

Circa il 30% dei bambini al di sotto dei tre anni di età soffre di una qualche forma di insonnia, ma soltanto il 10% dei genitori ricorre all'aiuto del pediatra. L'insonnia pediatrica non è un disturbo da sottovalutare: trascurarla può comportare l'insorgere di problemi del sonno che possono perdurare per tutta la vita dell'individuo. Quali sono le caratteristiche dell'insonnia del bambino? Da cosa viene provocata e quali possono essere le terapie da seguire? Scopriamolo insieme.

L'insonnia pediatrica
© Getty Images

L'insonnia pediatrica

L'insonnia nei bambini presenta, in parte, le stesse caratteristiche di quella degli adulti. Anche l'insonnia pediatrica si può suddividere in tre tipologie principali: difficoltà ad addormentarsi, risvegli notturni frequenti di lunga durata ed impossibilità di riprendere sonno una volta svegli. L'80% dei casi di insonnia nei bambini è di origine psicologica ed è legata ad una errata igiene del sonno. Per il restante 20% dei casi le cause sono di tipo medico, ovvero legate ad un problema fisico che influisce in maniera negativa sulla qualità del sonno.

 

I pericoli dell'insonnia pediatrica

La mancanza di un numero adeguato di ore di sonno ristoratore provoca tutta una serie di problemi sia a livello comportamentale che fisico nel bambino.

I sintomi ed i rischi maggiori dell'insonnia pediatrica sono:

  • stanchezza cronica durante il giorno
  • mancanza di attenzione
  • scarso impegno a scuola e nelle attività in generale
  • comportamenti aggressivi e nervosi
  • mancanza di appetito
  • iperattività
  • rallentamento della crescita fisica
  • insorgere di tic nervosi
  • abbassamento delle difese immunitarie
  • sviluppo di una predisposizione all'ansia ed alla depressione

Le cause mediche dell'insonnia pediatrica

Le principali patologie che causano insonnia e disturbi del sonno nei bambini sono:

  • reflusso gastroesofageo
  • otite
  • asma
  • problemi respiratori durante il sonno (apnee notturne, problemi alle adenoidi etc.)
  • dermatite atopica
  • sindrome da ADHD e deficit di attenzione in generale

Circa il 90% dei bambini affetti da una di queste malattie sviluppa una tipologia più o meno importante di insonnia.,In questo caso è sempre preferibile rivolgersi al pediatra anche per i problemi del sonno, per individuare l'eventuale necessità di ricorrere ad una terapia di tipo farmacologico.

Le cause comportamentali dell'insonnia pediatrica

E' raro che i bambini amino il momento della messa a letto: capricci e lamentele sono una caratteristica comune di tutti i bimbi fino ai tre anni. Superati i tre anni l'insonnia inizia gradualmente a scomparire nella maggior parte dei casi. Alcuni bambini però, specialmente se legati a particolari rituali di addormentamento, possono continuare a soffrire di insonnia anche in età scolare. In questo caso potrebbe essere utile chiedere consiglio anche ad un pedagogista, per sviluppare insieme una strategia per educare correttamente il bambino del sonno.

Insonnia pediatrica ed ansia

Come per gli adulti, anche nei bambini l'ansia è una delle cause principali dell'insonnia notturna. Il numero dei bambini ansiosi è in costante aumento, con un particolare picco durante i primi anni della scuola. Circa l'85% dei bambini affetti da un disturbo d'ansia presenta insonnia e problemi di scarsa qualità del sonno che si manifestano soprattutto con incubi frequenti, terrori notturni, sonnambulismo ed un eccessivo movimento del corpo durante il sonno.

Terapia farmacologica per la cura dell'insonnia pediatrica

E' raro che si renda necessario intervenire in maniera farmacologica sull'insonnia pediatrica. Il pediatra tende solitamente a consigliare una terapia di tipo comportamentale o di medicina naturale. Quando l'insonnia impedisce però al bambino di vivere serenamente, ed influisce anche sul suo comportamento diurno, è possibile seguire per un breve periodo di tempo una terapia farmacologica.

Chiedete sempre consiglio al pediatra prima di somministrare qualsiasi farmaco al bambino. I farmaci più utilizzati per la cura dell'insonnia pediatrica sono benzodiazepine, antistaminici e triciclici. La terapia medica non è però da considerarsi una cura, ma soltanto un metodo temporaneo per riequilibrare il benessere del bambino. Una volta smessi i farmaci infatti, se non è stata intrapresa una terapia comportamentale o non è stata curata la causa medica del disturbo, dopo breve tempo l'insonnia tornerà a comparire.

Terapia omeopatica per la cura dell'insonnia pediatrica

Non tutti i medicinali omeopatici indicati per la cura dell'insonnia negli adulti possono essere utilizzati anche nei bambini. Esiste tuttavia una omeopatia per i più piccoli. Il principale rimedio naturale utilizzato per l'insonnia, la melatonina, è da utilizzare con molta attenzione nei bambini. Occorre evitare il fai-da-te e rivolgersi al pediatra o al proprio omeopata per evitare di somministrare al bambino un medicinale inadatto.

I principali preparati omeopatici indicati per la cura dell'insonnia pediatrica sono:

  • camomilla (attenzione però alle dosi)
  • arnica montana
  • coffea cruda (adatta per il sonno agitato)
  • passiflora
  • lattuga selvatica (meglio scegliere l'olio essenziale)
  • sulphur (indicata per il sonno leggero)

Terapia comportamentale per la cura dell'insonnia pediatrica

Il miglior metodo per curare l'insonnia nei bambini è la terapia comportamentale. E' sufficiente seguire alcune semplici regole per abituare correttamente i bambini al sonno e favorirne il corretto riposo. In linea generale andrebbero eliminati tutti gli elementi in eccesso presenti al momento della messa a letto: biberon, giocattoli, presenza costante del genitore etc. Occorre inoltre stabilire un orario fisso per la nanna che deve essere rispettato ogni giorno, compreso il fine settimana, almeno per il primo periodo. Non sarà facile abituare i bambini ad addormentarsi da soli, ma è uno sforzo necessario per riuscire a combattere tutte le forme di insonnia pediatrica. Cercate di farvi seguire dal pediatra in tutte le fasi della terapia, in modo tale da decidere insieme quando passare al livello successivo.

Il sonno è un elemento fondamentale nella crescita del bambino. L'insonnia pediatrica ed i disturbi del sonno possono provocare problemi seri nello sviluppo psico-fisico dell'individuo. Individuare le cause del disturbo ed intervenire al più presto consente al bambino (ma anche ai genitori) di poter dormire notti serene e tranquille sin dai primi anni.

Fonti:

Centro di medicina del sonno in età pediatrica – Ospedale S.Andrea, Roma

Associazione italiana di medicina del sonno

http://www.morfeodormiresano.it/

Il mio bambino non mi dorme – Come risolvere i problemi di sonno dei nostri figli

Commenta
18/08/2015

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Test famiglia

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Calcola la data del parto