Home  
  
  
    Soffiare il naso ai bambini
Cerca

Cura del bambino
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

10 trucchi per soffiare bene il naso ai bambini

Soffiare in modo corretto il naso al tuo bambino quando ha il raffreddore è importante per consentirgli di respirare correttamente e impedire che l’infezione arrivi ai bronchi. Come fare? Ecco 10 consigli per soffiare il naso ai bambini, con l’aiuto del dott. Arnault Pfersdorff, pediatra alla clinica Sainte-Anne di Strasburgo (Francia).

Soffiare il naso ai bambini
© Getty Images

Per soffiare il naso ai bambini piccoli in modo corretto, occorre sapere cosa è necessario fare e utilizzare buoni prodotti e, soprattutto, occorre evitare di aggredire le mucose.

1. Far sedere in braccio il bambino

La cosa giusta da fare per soffiare il naso al tuo bambino? Il dott. Pfersdorff consiglia di prenderlo sulle ginocchia, con la schiena contro la tua pancia, leggermente chinato all’indietro. In questo modo puoi tenerlo con una mano e con l’altra inserire la soluzione in ognuna delle narici girandogli la testa. Puoi anche soffiargli il naso facendolo stendere a pancia in su e sollevandogli la testa con un cuscino.

2. I buoni prodotti per soffiare il naso al bambino

Per soffiare il naso a un neonato con meno di 4 o 5 mesi, il consiglio del dott. Pfersdorff è di utilizzare una soluzione fisiologica semplice. Per un bambino più grande, utilizza una soluzione fisiologica o soluzioni a base di acqua di mare sterilizzata in dosi. “Per un bambino di più di 4 mesi molto raffreddato si possono utilizzare anche gli oligoelementi d’argento (Oligosol), che sono prodotti con proprietà antisettiche”, consiglia il dott. Pfersdorff.

3. Non soffiargli il naso in continuazione!

“Non utilizzare gli aspiratori nasali in un neonato con meno di 4-5 mesi”, raccomanda il dott. Pfersdorff. E, anche dopo, “riservali solo in caso di vera e propria ostruzione nasale, e utilizzali dopo aver chiesto il parere del medico”, aggiunge. Gesti troppo aggressivi sulle mucose nasali provocano ostruzioni e flussi. Evita anche i nebulizzatori troppo aggressivi.

4. Un asciugamano per tenere il bimbo

A volte, soprattutto se il bambino ha più di 6 mesi, è difficile soffiargli il naso se non si è in due. Il trucco: avvolgere il bambino in un asciugamano per tenergli ferme le braccia! Così dovrai tenergli solo la testa. “Da fare solo in caso di necessità”, precisa il pediatra. Bisogna evitare di far piangere il bambino!

5. Pulire bene il naso al bambino significa soffiarglielo né troppo né troppo poco!

Soffiare troppo forte o troppo spesso il naso a un bambino produce l’effetto inverso a quello desiderato!”. Ai neonati bisogna soffiare il naso al massimo due volte al giorno e solo se cola”, consiglia il dott. Pfersdorff. Per i bambini più grandi, un lavaggio del naso 2 o 3 volte al giorno è sufficiente. Per quanto riguarda la quantità, questa dipende dai sintomi (non occorre una dose di fisiologica per narice per un bambino poco raffreddato!), sappi, però, che mettere 2 o 3 gocce di soluzione nelle narici non serve a niente. “La soluzione servita per il lavaggio non esce necessariamente dal naso, se viene ingoiata, lo scopo è creare un flusso”, precisa il pediatra.

6. Una “sauna” per pulire il naso al bebè

L’astuzia consigliata dal dott. Pfersdorff per pulire bene il naso al bambino senza crisi di pianto: con la porta del bagno chiusa, riempire la vasca con acqua molto calda e, una volta formatosi il vapore sui vetri, restare 10 minuti con il bebè. Tre sedute di 10 minuti al giorno e il gioco è fatto! “È efficace per liberare le vie aeree superiori”, spiega il pediatra.

7. La tecnica giusta per soffiare il naso al bambino

“Bisogna mettere un po’ di soluzione fisiologica nella narice destra, poi pulire in avanti e fare la stessa cosa dall’altro lato, senza aggressività”, consiglia il dott. Pfersdorff. Fai una piccola pausa tra una narice e l’altra per consentire al bambino di riprendere il respiro! “L’obiettivo è di non traumatizzare mai il bambino, perciò spiegagli quello che stai per fare, anche se è piccolo”, consiglia il pediatra.

8. Attenzione alle orecchie!

Quando pulisci il naso al bimbo, bada a non creare troppa pressione nelle cavità perché può essere pericoloso per le sue orecchie (c’è il rischio di otite). Attenzione quindi a non introdurre in maniera troppo irruenta la soluzione fisiologica nelle narici.

9. Dell’ovatta imbevuta di soluzione fisiologica

Sicuramente nel reparto maternità ti hanno mostrato come fare: bisogna intrecciare del cotone e impregnarlo di soluzione fisiologica per pulire le narici del piccolo. Se il bambino è molto raffreddato questo non basterà ma avrà il merito di farlo starnutire. E un bambino che starnutisce è un bambino che si soffia il naso!

10. Scegliere il momento giusto per soffiare il naso al bambino

Pulisci il naso al bambino prima dei pasti e non dopo, altrimenti c’è il rischio che vomiti. L’ideale sarebbe soffiarglielo dopo il bagnetto, perché l’umidità avrà fluidificato le secrezioni. “Preparalo parlandogli e rassicurandolo”, ribadisce il dott. Pfersdorff.

Anne-Sophie Glover-Bondeau

Commenta
11/03/2013

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Test famiglia

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Calcola la data del parto