Home  
  
  
    Il pediatra, come scegliere quello giusto?
Cerca

Cura del bambino
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Il pediatra, come scegliere quello giusto?

Tra la tante cose da fare sul finire della gravidanza c'è anche quella di dover scegliere il pediatra per il nascituro. Moltissimi genitori dimenticano di farlo o non sanno di dover iniziare la ricerca e si ritrovano a dover scegliere in medico che curerà il proprio figlio da 0 a 14 anni da un elenco dell'Asl.

Il pediatra, come scegliere quello giusto?
© Getty Images

Sbagliato pensare di sceglierne uno a caso per poi poterlo cambiare in qualsiasi momento. Il numero dei pediatri è purtroppo inferiore alla richiesta e quasi tutti i medici non hanno posti liberi per poter effettuare cambi.

Potreste quindi ritrovarvi a dover tenere il medico che avete scelto all'inizio per poi dover ricorrere, nel caso in cui non vi troviate bene, ad un pediatra a pagamento.

Come si sceglie il pediatra

La prima cosa da fare è chiedere consiglio alle coppie con figli che frequentate. Quasi sempre chi è già entrato nel “giro dei pediatri” conosce già i nominativi dei migliori e quelli da evitare.

Una volta ottenuti tre o quattro nomi potete prendere un appuntamento con ciascuno di loro per conoscerli e capire se possono fare al caso vostro.

Ricordatevi di scrivervi le domande che volete porre loro su un foglio per evitare di dimenticarne qualcuna sul momento.

In generale le domande fondamentali devono riguardare alcuni argomenti ben precisi per capire bene le opinioni ed i metodi del singolo medico.

Le basi principali sono:

 

 

Dovrete anche verificare se il pediatra effettua visite a domicilio in caso di impossibilità del bambino di uscire (febbre o malattie infettive) e controllare la sua disponibilità telefonica. Alcuni medici danno solo un ora di disponibilità al giorno per le risposte telefoniche e prendere la linea è quasi impossibile, con il risultato di doversi rivolgere alla guardia medica o direttamente al pronto soccorso.

Purtroppo, il pediatra non è obbligato a ricevervi o a rispondere alle vostre domande non avendo voi ancora un bambino. Se un medico rifiuta di ricevervi o di informarvi sui suoi metodi, probabilmente è già di per se una ottima indicazione sul fatto che non sia quello che stavate cercando.

Come cambiare il pediatra

Sebbene sia una operazione quasi impossibile, questo non significa che non possiate tentare di effettuare un cambio di pediatra presso l'Asl.

Occorre presentarsi allo sportello competente con la tessera sanitaria del bambino ed un vostro documento.

Se il medico da voi scelto per il cambio ha posti disponibili, potete effettuare immediatamente l'operazione senza alcun problema.

Se invece, come nella maggior parte dei casi, vi sono già diversi bambini in lista d'attesa, occorre compilare un modulo nel quale dovrete indicare il vostro medico attuale, quello desiderato, e le motivazioni della vostra richiesta.

Una volta consegnato, il modulo andrà insieme a tutte le altre richieste e verrà esaminato da una commissione speciale che si riunisce ogni tre mesi per decidere se la vostra domanda sia legittima o meno.

Dopo circa due o tre mesi vi arriverà a casa una lettera in cui saprete se la vostra richiesta sarà stata o meno accettata.

Il pediatra a pagamento

Sempre più genitori ricorrono alle cure dei famigerati pediatri a pagamento.

Famigerati perché una normale visita di controllo presso uno di questo medici può costare dai 50 ai 120 euro, a seconda della regione in cui esercitano e della loro specializzazione.

E' raro che un bambino venga seguito dal pediatra a pagamento in toto ma è più plausibile che si ricorra a lui soltanto in occasione di episodi particolari o di malattie che il pediatra di base non è stato in grado di diagnosticare o di curare correttamente.

Anche in questo caso occorre affidarsi al passaparola tra genitori per trovare quello migliore per noi, evitando così di spendere tanti soldi per poi uscire dallo studio medico insoddisfatti.

E' importante anche ricordare che i pediatri a pagamento non possono farvi le ricette per i medicinali se non su carta semplice.

Questo significa che dovrete poi andare dal medico di base per farvi compilare la ricetta da consegnare in farmacia.

Il pediatra in questione è libero di rifiutarsi di fornirvela se si trova disaccordo con le opinioni dell'altro medico o semplicemente per stizza nei vostri confronti per esservi rivolti ad un altra persona.  Vi trovereste quindi in una situazione spiacevole da affrontare.

E' sempre meglio quindi informare il pediatra curante delle vostre intenzioni con la massima sincerità chiarendo le motivazioni che vi hanno portato a fare questa scelta.

 

Commenta
04/05/2011

Per saperne di più:


Newsletter

Forum Gravidanza

Test consigliato

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Test famiglia

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Calcola la data del parto