Home  
  
  
    Il bagnetto
Cerca

Cura del bambino
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Il bagnetto

Si deve iniziare a fare il bagnetto il più presto possibile. Vi consiglio però di attendere la caduta del moncone ombelicale e la sua cicatrizzazione. In linea di massima si può iniziare tre giorni dopo la caduta del moncone. Fare il bagno prima della caduta del moncone non pregiudica assolutamente la salute del bambino. Ed allora perché si consiglia di aspettare? Il cordone ombelicale cade per un processo che si chiama mummificazione (cioè diventa secco), per cui se si bagna la caduta viene ritardata. Il bagnetto deve essere fatto tutti i giorni!

Il bagnetto
© Jupiter

Che cosa utilizzare?

Acqua e normali "saponi/detergenti" per bambini delle più comuni marche.
Si deve insaponare la testa, la faccia (ripeto la faccia!), il corpo, poi si deve sciacquare abbondantemente e asciugare accuratamente con un asciugamano morbido di spugna, dedicando particolare cura a non lasciare umidità nelle pieghe sia degli arti (ascelle, gomiti, inguine) sia dei genitali, specie quelli femminili.
Temperatura. La temperatura dell'acqua deve essere tra i 37,5 e i 38 °C. Una pratica comune è quella di immergere il gomito e verificare la sensazione. La temperatura esterna della stanza deve essere di circa 2 gradi superiore alla temperatura abituale dell'abitazione.

In quale momento della giornata?

Prima di un pasto, possibilmente, e non obbligatoriamente, alla stessa ora tutti i giorni, ad esempio quando torna a casa il papà. Il bagnetto può diventare uno straordinario momento di conoscenza e socializzazione tra genitori e figlio.

Qual è l'utilità del bagno?

Oltre al fondamentale aspetto igienico, al sicuro effetto rilassante, il bagno rende la pelle del bambino perfettamente idratata e morbida (provate e ve ne renderete conto).
Il bagnetto deve essere fatto nella stanza da bagno, perché questa è costituita in genere da un ambiente piccolo e quindi più facilmente riscaldabile, in inverno, e con il vantaggio di avere l'acqua corrente a portata di mano. Si possono usare le sofisticate apparecchiature prodotte dall'industria dell'infanzia, ma anche una comune e più comoda vaschetta di plastica. È utile tenere a portata di mano sia un grande
asciugamano ben asciutto sia gli indumenti puliti per il cambio. Attenzione a non lasciare i bambini soli sul fasciatoio per allontanarsi a prendere qualche oggetto necessario. È importante preparare tutto l'occorrente prima. La mamma deve sorreggere il bambino con la mano sinistra posta sotto l'ascella sinistra del bambino in modo da sostenerne la testa con il polso. Il bambino deve essere immerso gradualmente e con la mano destra lo si insapona e lo si sciacqua. In caso di mancinismo, ovviamente, si inverte l'uso delle mani.
Devono essere usati prodotti per bambini di buone marche, bisogna insaponare accuratamente tutto il corpo compreso il volto (sì il volto!) e la testa. Alla fine del bagno, la cui durata deve essere di circa 5 minuti, è necessario asciugare accuratamente il bambino. Non serve usare prodotti di alta cosmesi. Attenzione ai talchi che seccano la pelle, chiudono i pori e possono essere inalati, specie se il bambino piange. È sufficiente usare acqua e i comuni saponi per bambini e la pelle del vostro piccolo sarà perfetta.

Commenta
04/05/2010

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Test famiglia

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Calcola la data del parto