Home  
  
  
    I pidocchi
Cerca

Lo sai, mamma?
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

I pidocchi

Il pidocchio è un insetto di 2-4 millimetri, che vive e si riproduce esclusivamente sulla testa dell’uomo (soprattutto nuca, tempie e dietro le orecchie) e si nutre del suo sangue. La femmina deposita fino a 10 uova al giorno (le lendini), che si fissano fortemente ai capelli con una sostanza collosa. Da ogni lendine, nel giro di 20 giorni, nasceranno gli animali adulti.

I pidocchi
© Getty Images

Il contagio avviene esclusivamente per contatto, il pidocchio, non salta e non vola e può sopravvivere lontano dalla testa dell’essere umano 1-2 giorni al massimo. È buona regola ispezionare di sovente la testa dei bambini, lavando loro i capelli un paio di volte a settimana con uno shampoo normale e controllando, in queste occasioni, l’eventuale presenza dei parassiti e/o delle loro uova. Queste, a differenza della forfora, hanno un aspetto tondeggiante e bianco grigiastro e sono tenacemente attaccate al capello, per questo motivo vanno uccise e sfilate.

La pediculosi (“avere i pidocchi”) si manifesta con un intenso prurito al capo e non è necessariamente segno di cattiva igiene. Non esistono “farmaci preventivi”, ma solo rimedi successivi all’infestazione. Il trattamento di prima scelta della pediculosi dovrebbe prevedere l’uso di prodotti a base di piretrine naturali o permetrina (nelle farmacie si trovano come schiuma o gel). È bene ripetere il trattamento dopo una settimana, e controllare i capelli degli altri componenti della famiglia. E’ importante, dopo l’uso degli antiparassitari assicurarsi che non ci siano più lendini vive sul capo utilizzando un pettine metallico a denti molto fitti, pettinando accuratamente ciocca per ciocca partendo dalla radice del capello e avendo cura di schiacciare le eventuali uova sopravvissute. L’utilizzo dell’aceto, che non è un insetticida, può contribuire a facilitare il distacco delle uova dal capello. Gli antiparassitari, non servono a impedire il contagio; è fondamentale avere molta cura dei capelli, controllandoli periodicamente, e intrecciando o legando i capelli lunghi, per ridurre il contatto con i capelli di altre persone.

Pettini e spazzole vanno lavati con acqua calda e shampoo antiparassitario. Le lenzuola, le federe, gli asciugamani, i vestiti, le sciarpe e gli altri indumenti, dovrebbero essere sempre lavati in lavatrice a 60 gradi. Tutto ciò che non è possibile lavare si può chiudere in sacchetti di plastica per 15-20 giorni, i pidocchi moriranno per mancanza di cibo. 

 

A cura del Laboratorio per la Salute Materno Infantile dell'Istituo Mario Negri di Milano
Per leggere la scheda in formato Pdf clicca qui

A cura del Laboratorio per la Salute Materno Infantile dell'Istituo Mario Negri di Milano

Per leggere la scheda in formato Pdf clicca qui

Commenta
11/12/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Test famiglia

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Calcola la data del parto