Home  
  
  
    Gli ossiuri
Cerca

Lo sai, mamma?
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Gli ossiuri

Nel bambino piccolo i vermi parassiti più frequenti sono gli ossiuri che hanno la forma di sottili filamenti bianchi di circa un centimetro di lunghezza, molto mobili. Gli ossiuri crescono nell’intestino e sono facilmente visibili durante le ore notturne o al mattino presto, cioè quando escono dall’ano rilasciando tutte le uova, per poi morire.

Gli ossiuri
© Getty Images

I sintomi degli ossiuri

Il sintomo principale di questa infezione è il prurito provocato dal movimento dei vermi; e si fa più intenso quando il bimbo si corica nel letto la sera; oltre al prurito sono possibili anche dolori addominali, insonnia, irritabilità e nelle femmine vaginiti. L’infestazione colpisce prevalentemente i bambini in età prescolare e scolare. L’infestazione da ossiuri avviene per via orale portando alla bocca le mani sporche dopo essere state a contatto con oggetti contaminati. Nei bambini è frequente la reinfestazione: grattandosi il bimbo entra in contatto con le uova e le può ingoiare mettendo le mani in bocca. 

Vermi intestinali: norme igieniche principali

Di fondamentale importanza rivestono alcune norme igieniche come:

  • lavarsi le mani prima di toccare o mangiare cibi
  • tenere le unghie corte e pulite
  • lavarsi ogni mattina per eliminare le uova rilasciate durante la notte
  • lavare e cambiare spesso il bambino
  • mettere al bambino piccolo pannolini ben stretti per evitare che si gratti
  • lavare ad alte temperature (60°C) tutta la biancheria intima, le lenzuola e gli asciugamani

Curare gli ossiuri

Se il bambino presenta l’infestazione è bene consultare il pediatra per la prescrizione della terapia (p.es. mebendazolo, pirantel). La terapia di scelta è rappresentata da una singola dose di mebendazolo, da ripetere a distanza di 14 giorni per eliminare i vermi che nel frattempo sono nati dalle uova ancora presenti nella zona anale. Questa terapia non è indicata per i bambini al di sotto dei 2 anni, per i quali si può valutare con il pediatra la possibilità di non effettuare alcun trattamento farmacologico. L’unico farmaco consigliato per questa fascia di età è la piperazina, che in Italia non ha però come indicazione il trattamento degli ossiuri (al contrario di altri Paesi). E’ importante trattare oltre al bambino anche tutti i membri della famiglia per debellare definitivamente la presenza degli ossiuri.

 

A cura del Laboratorio per la Salute Materno Infantile dell'Istituo Mario Negri di Milano

Per leggere la scheda in formato Pdf clicca qui

Fonti:
Federfarma Lombardia
Associazione Culturale Pediatri
Laboratorio per la Salute Materno-Infantile dell’Istit
Commenta
11/12/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Test famiglia

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Calcola la data del parto