Home  
  
  
    Gli occhi del bimbo a 4 mesi
La vista e gli occhi dei bambini
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Gli occhi del bimbo a 4 mesi

La capacità del neonato di seguire gli oggetti con gli occhi è diventata perfetta e la sua retina percepisce immagini stabili. In un'età in cui non è ancora in grado di stare seduto, il piccolo presenta delle prestazioni visive incredibili: non solo riesce a seguire i movimenti regolari delle lancette di un orologio, ma anche di fare movimenti brevi e rapidi con gli occhi, per seguirei balzi del gatto.

Gli occhi del bimbo a 4 mesi
© Getty Images

Acquisizione della visione binoculare

È all'incirca in questo momento che il bambino acquisisce la visione binoculare, ovvero la capacità di individuare la distanza di un oggetto: cerca di acchiapparlo e separa indice e pollice per una maggiore efficacia. In poche parole, impara a utilizzare i due occhi contemporaneamente alle due mani. Prima di questo momento, le due immagini provenienti dall'occhio sinistro e dall'occhio destro erano solo approssimativamente sovrapposte.

Una "bolla" di 40 centimetri

Ora che sono percepite in maggiore dettaglio, le immagini si fondono e la loro sovrapposizione dona l'idea della tridimensionalità. Il bambino, ovviamente, vive ancora in una "bolla" dell'estensione di 40 cm intorno a lui, e il suo mondo si limita a ciò che può afferrare. Ciò che si trova lontano lo interessa di meno, perché le immagini gli appaiono con una minore definizione; è quando inizia a mettersi seduto che il suo spazio di interesse visivo si amplia. La postura e la visione si strutturano reciprocamente, insieme alla capacità prensile delle mani, e il poco a poco il bambino coglie con la vista oggetti sempre più lontani.

Fonte: Associazione Nazionale Francese per il miglioramento della vista

Commenta
23/10/2013

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Test famiglia

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Calcola la data del parto