Home  
  
  
    Intervista con il Dott. Burioni
Cerca

Le vaccinazioni
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Intervista con il Dr. Burioni: "la mancata vaccinazione mette in pericolo tutti"

Sebbene le vaccinazioni siano il mezzo più efficace per prevenire le malattie infettive serie e quindi le loro conseguenze, in Italia persiste il problema degli antivaccinisti e dei complottisti. Abbiamo intervistato il Dott. Roberto Burioni, medico, professore universitario e noto personaggio pubblico, per cercare di far chiarezza sui vaccini da un punto di vista scientifico.

Intervista con il Dott. Burioni
© Ultime Notizie Flash

"Per cominciare, lascerei che si presentasse brevemente per chi non la conosce."

"Sono un medico, professore ordinario di Microbiologia e Virologia all’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Da sempre mi occupo del rapporto tra gli agenti infettivi ed il sistema immunitario, il che mi porta ad avere una certa esperienza nel campo dei vaccini. Oltre a questo sono padre di una bambina di cinque anni, Caterina Maria, attraverso la quale sono venuto a conoscenza di questo mondo che rifiuta follemente le vaccinazioni."

"Il suo lavoro di divulgazione attraverso i social network ha avuto risonanza anche all’estero. Lei riesce a rendere semplici molti concetti scientifici, non sempre facili da spiegare. Da cosa nasce questa sua capacità?"

"Penso che nasca dalla mia attività di docente: spiegare agli studenti di medicina gli argomenti in maniera semplice, corretta ed accattivante non è cosa molto diversa dallo spiegarlo ai genitori. Sicuramente le migliaia di ore di lezione della mia vita mi hanno aiutato." 

"Quali sono le motivazioni che l’hanno portata a cominciare questa sua campagna di informazione su Facebook e da quando va avanti?"

"Le motivazioni derivano dall’importanza sociale delle vaccinazioni e dal pericolo che stanno correndo molti bambini a causa delle scelte dei loro genitori. La mia attività su Facebook è iniziata alla fine di settembre dell’anno scorso con un post pubblico che è inaspettatamente diventato “virale”."

"Il problema degli antivaccinisti in tutto il mondo, ma in particolar modo in Italia, si sta aggravando sempre di più. Com’è possibile che delle persone vaccinate da piccole (per la maggior parte dei casi) decidano di non vaccinare?"

"Bisognerebbe chiederlo non ad un medico, ma ad un sociologo. Sicuramente il fatto che di molte malattie – come la poliomielite, che faceva vittime a migliaia - sia stata persa la memoria rende meno evidente l’utilità delle vaccinazioni."

"Molti persone, anche non antivaccinisti, evitano molti richiami alla vaccinazione, o per dimenticanza o per negligenza. Lei cosa ne pensa? Si potrebbe fare qualcosa?"

"Delle campagne efficaci di sensibilizzazione sarebbero sicuramente molto utile per mantenere livelli adeguati di protezione nella popolazione adulta."

"Alcuni di loro credono che i vaccini possano avere gravi conseguenze sulla salute. In passato sono stati registrati casi di paralisi post-vaccino in soggetti affetti da immunodeficenza non diagnosticata. Si tratta di casi isolati?"

"Il vaccino contro la poliomielite a virus attenuato in un caso su circa 750.000 vaccinazioni poteva dare delle paralisi post vaccino. Da molti anni nel nostro paese non è più in uso, sostituito dal vaccino a virus inattivato che non ha questo seppur raro effetto collaterale. Sicuramente il falso mito da sfatare è la correlazione tra vaccinazioni e autismo: è provato oltre ogni dubbio che non esiste nessun ruolo eziologico dei vaccini in questa patologia."

"La stampa, in questi casi estremi, divulgando notizie in maniera troppo affrettata può finire per dare al pubblico un’informazione difettosa. C’è da chiedersi, allora, dov’è possibile trovare un’informazione neutra ed esaustiva."

"Purtroppo non è facile, in quanto spesso le ASL sono molto “pigre” nel fornire informazioni accurate e tempestive lasciando il campo agli antivaccinisti che sono invece molto attivi e pronti a riempire gli eventuali vuoti di notizie." 

"La presenza di alcune sostanze tossiche nei vaccini come la formaldeide, il mercurio o l’alluminio non li rende dannosi?"

"Il mercurio non è più necessario e non è più contenuto nei vaccini in uso da molti anni. La formaldeide è contenuta in tracce minime che non comportano alcun danno; l’alluminio è indispensabile per stimolare la risposta immune e la sua sicurezza è dimostrata da oltre 70 anni di utilizzo e da casistiche di centinaia di milioni di pazienti." 

"I vaccini possono avere comunque delle controindicazioni sul bambino o ci sono delle precauzioni da prendere?"

"Certo, un vaccino è pur sempre un farmaco, la sua somministrazione un atto medico ed è indispensabile che il medico decida l’opportunità della vaccinazione caso per caso. E’ bene precisare che non esistono “esami prevaccinali” in grado genericamente escludere effetti collaterali seri , che ricordiamolo sono comunque rarissimi (nell’ordine di meno di un caso su milione di vaccinazioni)." 

"Soprattutto alla fine dello scorso anno si è parlato di vaccinazioni obbligatorie per iscriversi a scuola. Ovvero, si sta arrivando a vietare l’ingresso in classe ai non vaccinati. Lei pensa possa essere una soluzione?"

"La mancata vaccinazione permette ai virus di circolare e mette in pericolo la salute non solo dei bambini non vaccinati, ma anche di quelli che non si possono vaccinare. In qualche modo bisogna proteggere queste persone e sicuramente – mentre cerchiamo di informare meglio – è a mio parere necessario introdurre qualche forma di coercizione."

Commenta
09/06/2016

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Test famiglia

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Calcola la data del parto