Home  
  
  
    La diarrea acuta
Cerca

Il mal di pancia del bambino
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

La diarrea acuta

La diarrea acuta compare in genere improvvisamente. Il bambino comincia a emettere feci che possono avere differenti aspetti ma che, in comune, hanno il fatto di essere diverse da quelle emesse regolarmente.

La diarrea acuta
© Jupiter

Le feci possono essere:

Poltacee, sfatte, più molli del solito, con un aspetto non omogeneo, con frammenti apparentemente non digeriti.
Come sopra con in più del muco (catarro) o addirittura con muco e sangue.
Liquide o semiliquide in cui si riconosce ancora materiale solido.
Decisamente liquide, a volte di colore scuro, a volte così chiare da essere scambiate con le urine.

Questi quattro aspetti diversi delle feci, pur non avendo un particolare significato circa la gravità della malattia sono, tuttavia, un indice importante circa l'urgenza di intervento. Infatti come nel caso del vomito e ancor più in presenza di diarrea, il pericolo è la disidratazione.
Per questo motivo i due parametri da valutare per decidere che tipo di intervento effettuare sono: Consistenza delle feci: più sono liquide e più abbondante è la perdita d'acqua.
Numero delle scariche: più frequenti sono e più, ovviamente, è rapida la perdita d'acqua.

Che cosa fare in caso di diarrea?

Sospendere ogni tipo di alimento e far bere il bambino. Gli stessi interventi, cioè, suggeriti per il vomito, tenendo conto che la diarrea causa una più rapida e più grave disidratazione.
Anche nel caso della diarrea, la scelta dei liquidi da somministrare può essere fatta tra acqua di riso (acqua bollita con aggiunta di una piccola quantità di farina di riso), tè, camomilla, brodo di verdura, acqua minerale gasata o non gasata, acqua zuccherata, bevande zuccherine in commercio quali limonata, aranciata, bibite gasate ecc.
Assolutamente niente latte.
In commercio è possibile trovare bustine contenenti miscele di zucchero e sali minerali che si possono aggiungere all'acqua del rubinetto e che risultano particolarmente utili per una corretta reidratazione dei bambini. Non sempre però i bambini le gradiscono come gusto. Provatele, se sono gradite saranno utili!
Tali preparati medicinali possono essere sostituiti empiricamente in questo modo: preparate una spremuta con due arance e un limone, diluite con un litro d'acqua (anche minerale gasata), aggiungete molto zucchero (2-3 cucchiai) e tre pizzichi di sale.
Come già suggerito per il vomito, anche in caso di diarrea è meglio somministrare le bevande in modo frazionato, ininterrottamente a piccole dosi, piuttosto che con dosi abbondanti che facilitano l'insorgenza o la persistenza del vomito.
Di fronte agli episodi di diarrea acuta, la madre deve armarsi di pazienza, sedere quasi ininterrottamente vicino al letto del bambino e, con un cucchiaino, abbeverare il piccolo malato.

Se la diarrea si risolve dopo poche scariche, è sufficiente un consulto telefonico; se i sintomi sono più seri, è d'obbligo rivolgersi a un pediatra.
Chiamate subito il medico o portate il bambino in ospedale se: Il bambino ha meno di 4 mesi e presenta molte scariche liquide. Attenzione: le feci oltre che numerose devono essere in modo evidente diverse da quelle comunemente emesse. Il bambino alimentato al seno evacua spesso e presenta feci numerose e liquide, ma le sue scariche non sono diverse da quelle emesse solitamente.
Il bambino ha meno di un anno e presenta feci liquide e vomito.
Il bambino di qualunque età ha perso peso o presenta segni gravi di disidratazione (occhi cerchiati e infossati, pallore, labbra o lingua secche, pelle dell'addome che presa tra due dita si solleva in pieghe, respiro frequente).
Se notate presenza di sonnolenza o presenza di irritabilità associata a sonnolenza a qualunque età.

Commenta
04/05/2010

Per saperne di più:


Newsletter

Forum Gravidanza

Test consigliato

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Test famiglia

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Calcola la data del parto