Home  
  
  
    Non dare più la caccia ai pidocchi: liberatene!
Cerca

I pidocchi
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Non dare più la caccia ai pidocchi: liberatene!

Assillo delle madri di famiglia e degli insegnanti, questi parassiti si ripresentano, in genere, alla ripresa della scuola dopo la pausa estiva. Niente panico! È fondamentale agire tempestivamente.

Non dare più la caccia ai pidocchi: liberatene!
© Getty Images

I pidocchi sono minuscoli insetti dalle zampe uncinate, caratteristica che permette loro di attaccarsi ai capelli. Hanno bisogno del nostro sangue per nutrirsi e dei nostri peli per proliferare. Le lendini sono uova deposte dal pidocchio femmina: sono traslucide e spesso risultano più visibili degli stessi pidocchi.

Una trasmissione facilissima

Anche se i pidocchi saltano meno di quanto non volino, la trasmissione avviene attraverso il contatto diretto (da capello a capello) tra bambini o per il tramite di oggetti come cappelli, pettini o spazzole, biancheria da letto contaminata, ecc.

Come scovarli?

Il prurito alla testa e il grattarsi sono i primi segni evidenti dell'infestazione. I pidocchi sono generalmente localizzati all'attaccatura dei capelli, alla base del collo e dietro le orecchie. Perché l'esame del cuoio capelluto sia efficace deve avvenire in condizioni di luce completa. Mentre i pidocchi adulti sono difficilmente individuabili a causa delle loro dimensioni microscopiche, le lendini (uova) si distinguono più facilmente. Di colore grigiastro e di forma ovale, somigliano a forfora leggermente appiccicosa, anche se non si staccano da sole dai capelli. Per rimuoverle occorre usare un pettine dai denti molto fini, che si dovrà passare dalla radice fino alle punte dei capelli. Questa operazione è facilitata se praticata su capelli leggermente umidi.

Trattamenti efficaci

La finalità del trattamento contro i pidocchi è di eliminare le lendini (trattamento ovicida) e i pidocchi (trattamento pediculicida). A tale scopo, sono due i prodotti che è possibile utilizzare:

Prodotti antiparassitari

 In farmacia sono in vendita prodotti – shampoo, lozioni, spray – generalmente a base di insetticida (soprattutto Piretrine o Malathion). Attenzione: gli shampoo non devono essere utilizzati da soli, ma associati a una lozione. Segui attentamente le modalità d'uso se non vuoi che il trattamento risulti inefficace:

  • Applica la lozione;
  • Rimuovi lendini e pidocchi con un pettine fine;
  • Lava abbondantemente i capelli con uno shampoo antipidocchi;
  • Ripeti il trattamento 2 giorni dopo per uccidere i pidocchi schiusi, sopravvissuti al primo trattamento;
  • Lava le lenzuola in acqua calda, federe, cappelli, abiti, peluche e qualunque altro oggetto sia entrato in contatto con i parassiti.

 

Da sapere

  • Non applicare mai questo tipo di prodotto su una piaga aperta o infetta;
  • Se due giorni dopo il trattamento iniziale ricompaiono i pidocchi, ricorri a un trattamento diverso, una decina di giorni dopo;
  • Alcuni trattamenti non sono adatti ai bimbi piccoli: in questo caso, meglio rasare la testa al bambino;
  • Attenzione: prodotti tossici! Tenere i prodotti pediculicidi lontano dalla portata dei bambini.

 

Prodotti asfissianti

Poiché i pidocchi respirano attraverso il corpo, è possibile asfissiarli cospargendoli di sostanze grasse (olio di noce di cocco, olio di monoi…), di derivati del silicone (dimeticone)… A differenza degli insetticidi, questi prodotti non sono tossici perché la loro azione è anzitutto meccanica. Altro vantaggio: diversamente dagli altri insetticidi, i pidocchi non sviluppano alcuna resistenza verso questi prodotti.

Infine, per prevenire un'invasione di pidocchi galoppante, tutta la famiglia e le altre persone vicine, a rischio di contaminazione, dovranno essere controllate ed eventualmente sottoposte a trattamento.

Anzitutto la prevenzione

Tieni presente che esistono prodotti repellenti (non curativi) facili da usare e in forma di spray, inutili nel caso in cui tuo figlio sia già stato contaminato, ma che puoi utilizzare a scopo preventivo quando i pidocchi fanno la loro prima comparsa a scuola.

 La contaminazione da pidocchi (pediculosi) è un problema di salute pubblica non riconducibile a una mancanza di buone condizioni igieniche personali o, in generale, di pulizia. La prevenzione dal contagio avviene in primo luogo con il controllo, che permette un'individuazione precoce del problema. In particolare, è consigliabile controllare il cuoio capelluto dei bambini che frequentano, ad esempio, asili, scuole, colonie estive o palestre di judo, ambienti particolarmente favorevoli allo sviluppo di epidemie. In caso di contagio, segnalare tempestivamente il problema per evitarne la propagazione.

 

Isabelle Martin

Commenta
02/11/2010

Per saperne di più:


Newsletter

Forum Gravidanza

Test consigliato

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Test famiglia

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Calcola la data del parto