Home  
  
  
    Le convulsioni febbrili
Cerca

I disturbi seri dei bambini
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Le convulsioni febbrili

Le convulsioni febbrili del bambino rappresentano forse la situazione più drammatica che possa capitare a una mamma. Sono più frequenti di quanto si creda, per cui è importante che le mamme imparino a conoscerle per essere preparate ad affrontarle nel modo più corretto e con la dovuta calma. In un momento così sconvolgente è infatti indispensabile avere i nervi saldi.

Le convulsioni febbrili
© Jupiter

Che cosa sono le convulsioni febbrili?

Si tratta di movimenti violenti e involontari causati da contrazioni dei muscoli di tutto il corpo (definiti in questo caso convulsioni generalizzate), di metà del corpo, o solo degli arti o di un arto solo (convulsioni localizzate) accompagnate da perdita di coscienza. Numerose sono le cause che possono provocarle: epilessia, infiammazioni del cervello, trauma cranico, malattie del metabolismo. Voglio qui descrivervi le convulsioni causate dalla febbre, poiché sono le più frequenti e, per fortuna, anche quelle meno gravi.
Il 3% dei bambini di età compresa fra i 6 mesi e i 6 anni, con un picco di massima frequenza intorno ai 2 anni, possono presentare convulsioni febbrili. Queste convulsioni si verificano in concomitanza con la febbre, in genere durante la fase di ascesa della temperatura, molto più raramente poco prima della sua scomparsa. In genere si scatenano quando la temperatura supera i 38 °C (esterna ascellare).
Nel 30% dei casi esiste una familiarità: in un terzo dei casi, uno dei due genitori o qualche consanguineo stretto ne hanno sofferto. Se ne distinguono due tipi. E vedremo quanto questa distinzione sia importante: convulsioni febbrili semplici e convulsioni febbrili complesse.

Convulsioni febbrili semplici

Sono le più comuni e si presentano con le seguenti caratteristiche.
Sono generalizzate, interessano cioè tutto il corpo, con contrazioni anche violente che coinvolgono tutti i muscoli (e non solo quelli degli arti e di metà del corpo) con pallore, occhi fissi o che ruotano verso l'alto o di lato, seguite da una fase di rilasciamento muscolare con torpore, disorientamento (il bambino risponde, ad esempio, in modo strano). Molto raramente possono presentarsi solo con rilasciamento muscolare oppure interruzione momentanea della respirazione (apnea) o con la comparsa di colorito bluastro sul volto (cianosi) o, ancora, solo con sguardo fisso o deviazione degli occhi verso l'alto o di lato (oculogiro).

Causano perdita di coscienza: il bambino non risponde alle domande, non reagisce agli stimoli ecc.
Hanno una durata massima inferiore ai 15-20 minuti: in realtà (quasi sempre) durano solo pochi secondi che però ai genitori sembrano un'eternità.
Se si ripetono più convulsioni brevi, la serie non si protrae oltre i 30 minuti.

1 Le convulsioni febbrili - continua ►

Commenta
04/05/2010

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Test famiglia

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Calcola la data del parto