Home  
  
    Il pianto del bambino
Il neonato
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Il pianto del bambino

Il pianto è la manifestazione della vita del neonato che desta più preoccupazione nei genitori. Il pianto è in realtà uno dei mezzi che il piccolo usa per comunicare con l'esterno. Inutile drammatizzare, il nostro dossier ti spiega perché il bambino piange.

  • Il pianto da mal di pancia

    Il pianto che non esiste (il pianto da mal di pancia)

    Il mal di pancia è la causa più invocata dai pediatri per fornire una giustificazione al pianto immotivato del bambino.
    Leggi l'articolo

  • Il pianto da fame

    Il pianto da fame

    In questo caso il bambino piange alla fine della poppata, appena allontanato il seno o il biberon, oppure comincia a piangere prima dell'ora presunta della poppata (ricordo che non bisogna costringere i bambini a orari rigorosi). In questa circostanza il pianto cessa appena il piccolo riesce a...
    Leggi l'articolo

  • Il pianto da noia

    Il pianto da noia

    Compare nel lattante di qualche mese. Si verifica quando il bambino non viene molto stimolato, viene lasciato per molto tempo solo. Il pianto è poco vigoroso, francamente "annoiato". Il piccolo si calma appena sente la voce di un adulto: ha bisogno di non sentirsi solo.
    Leggi l'articolo

  • Il pianto da stanchezza

    Il pianto da stanchezza

    È un pianto non vigoroso con una caratteristica di monotonia che tende a finire per poi... ricominciare. Si manifesta quando i bambini vengono sottoposti a un eccesso di stimoli esterni che non riescono a controllare. Il volerli far giocare a tutti i costi, il voler parlare loro in...
    Leggi l'articolo

  • Il pianto per scaricare la tensione

    Il pianto per scaricare la tensione e le coliche

    Purtroppo esistono numerosi casi di bambini che piangono senza alcuna ragione evidente. Ci troviamo di fronte al grande e incerto capitolo del pianto apparentemente immotivato, uno degli argomenti più controversi e più discussi della puericultura. In genere un pianto apparentemente immotivato...
    Leggi l'articolo

  • Il pianto per senso di disagio fisico

    Il pianto per senso di disagio fisico

    Quando è sporco, il bambino si mette a piangere, specie se ha emesso feci da latte materno che sono molto liquide, abbondanti (lo inondano) e acide: in questo caso è sufficiente cambiarlo. È buona norma svestire comunque il bambino che piange, poiché qualche volta la cattiva posizione dei...
    Leggi l'articolo

  • Il pianto del neonato

    Perchè il bambino piange?

    Alcuni si addormentano facilmente, nulla li disturba e giocano in modo molto tranquillo. Altri, invece, si svegliano 20 volte a notte, piangono tanto e tengono costantemente i genitori sul chi va là. Come mai alcuni bambini sono tranquilli e altri, al contrario, hanno i nervi a fior di pelle?
    Leggi l'articolo

  • Bebè: il diritto di piangere

    Bebè: il diritto di piangere

    La comunicazione dei più piccoli passa attraverso strilli e pianti. Bisogna lasciarli piangere? Oppure è necessario consolarli fin dai primi singhiozzi? Per sapere come reagire, hai un'unica soluzione: ascoltare tuo figlio.
    Leggi l'articolo

  • Le crisi del bambino

    Come gestire le crisi del bambino?

    Lo sfogo emotivo è un processo naturale che aiuta il bambino a liberare le tensioni. Esistono sei diverse forme di sfogo emotivo: le lacrime, il riso, la collera, gli sbadigli, i tremori e la sudorazione. I genitori e chi si occupa del bambino possono aiutarlo a scaricare le sue emozioni, in...
    Leggi l'articolo

  • Le coliche del bambino

    Le coliche del bambino

    Quando si parla di "coliche" ci si riferisce a crisi di pianto intense e prolungate, inspiegabili, che possono presentarsi nei neonati nei primi 3-4 mesi di vita, generalmente nelle ore dal tardo pomeriggio alle prime ore della notte.

    Leggi l'articolo

  • L'importanza del sonno nei bambini

    L'importanza del sonno nei bambini

    Il sonno di un bambino è diverso da quello di un adulto; nei primi mesi di vita il bambino non distingue fra giorno e notte, il suo ritmo è regolato dai suoi tempi di fame e di stanchezza che sono molto brevi. Bisogna quindi che chi lo accudisce si adegui ai suoi ritmi.

    Leggi l'articolo

  • La febbre e i bambini

    La febbre e i bambini

    La febbre è un aumento della temperatura corporea superiore ai 37°C se misurata per via ascellare o inguinale, o superiore ai 37,5°C se misurata per via rettale o orale. Non è una malattia, ma un sintomo.

    Leggi l'articolo

  • Bambini: meglio lasciarli piangere?

    Bambini: meglio lasciarli piangere?

    Spesso, al momento di andare a letto o nel cuore della notte, i giovani genitori si trovano di fronte a un dilemma: lasciar piangere il bambino o coccolarlo non appena si mette a frignare? Uno studio americano, pubblicato nella rivista Developmental Psychology, offre elementi di risposta.

    Leggi l'articolo

  • L'infiammazione di naso, gola e orecchio

    L'infiammazione di naso, gola e orecchio

    Nei primi anni di vita del bambino, i problemi otorinolaringoiatri costituiscono il motivo principale per cui lo si porta dal medico. All’origine di queste reazioni infiammatorie, vi sono aggressioni di virus, batteri o allergeni.

    Leggi l'articolo


Per saperne di più:


Newsletter

Forum Gravidanza

Test consigliato

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Test famiglia

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Calcola la data del parto