Home  
  
  
    Il figlio unico
Cerca

La solitudine nei bimbi
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Il figlio "unico"

Non voglio parlarvi del bambino i cui genitori si sono riprodotti una sola volta, questo è "l'unico figlio". Voglio invece parlarvi di un bambino con certe caratteristiche dal punto di vista comportamentale che lo fanno definire "figlio unico".

Il figlio unico
© Jupiter

È quindi interessante imparare a distinguere il "figlio unico" e non confonderlo con "l'unico figlio". Secondo la maggior parte degli psicologi non esiste una "sindrome da figlio unico" con sintomi ben definiti e codificati. Tuttavia il figlio "unico" spesso presenta caratteristiche psicologiche significative e specifiche simili a quelle di altri figli "unici". Al punto che, se è vero che i figli unici non sono tutti uguali, tuttavia, per una serie di comportamenti ricorrenti, si può affermare che molto spesso sono più simili tra loro due figli "unici" piuttosto che due fratelli. Prima di addentrarmi nella descrizione del figlio "unico" voglio esprimere 3 palesi verità.
Figlio "unico" non si nasce, ma si diventa.
L'essere figlio "unico" non è mai colpa del figlio ma dell'atteggiamento dei genitori.
Possono esistere figli "unici" anche in famiglie numerose.
A questo punto impariamo a conoscerlo. È psicologicamente interessante e forse anche divertente illustrare le caratteristiche del figlio "unico". Non è obbligatorio che siano tutte presenti, anche perché molti genitori e anche molti adulti, leggendole, possono riconoscere i propri figli o… se stessi. In realtà è il grado di intensità con cui queste caratteristiche si esprimono nell'individuo che porta alla definizione del figlio "unico".
Con gli amici tende a decidere cosa fare Ama essere ammirato Odia fare brutte figure Preferisce trascorrere il tempo con sua madre che con gli amici Non vuole passare inosservato in un ambiente nuovo Non gli piace prestare le sue cose Ama ricevere complimenti Non ammette di essere contraddetto Piuttosto che non essere primo, rinuncia Non è in grado di avere grandi amicizie Pensa di essere sempre nel giusto Qualunque piccola frustrazione lo fa arrabbiare Vuole diventare il migliore senza sforzo Confida le cose personali alla mamma
Lontano dalla famiglia diventa insicuro e ansioso Non è generoso
Dato che ho detto che in realtà il bambino non nasce figlio "unico" ma lo diventa, altrettanto interessante è descrivere quali sono le caratteristiche del genitore (madre/padre) del figlio "unico".
Quando il figlio è con il padre/madre ha bisogno di andare a vedere cosa fanno Preferisce che giochi in sua presenza, per controllare che non si faccia male Non ama che abbia una sua privacy (cassetti, camere o spazi chiusi a chiave) Vuole essere sua amica/amico, confidente Il figlio è il riferimento più importante della vita, è la ragione della vita stessa (e glielo si rammenta in ogni occasione) Vuole che il figlio abbia successo e arrivi dove non è arrivata lei/lui Cerca di evitargli tutti gli ostacoli e di risolvere tutti i problemi Spera che, quando sarà vecchia/o, il figlio la/lo accolga a vivere con lui A tavola lo serve per primo Vuole che sia sempre il migliore (il meglio vestito, il più intelligente ecc.) Quando il figlio è lontano (es. gita scolastica) è molto in ansia
Non ci sarebbe niente di male a essere figli "unici" se non fosse che l'esserlo purtroppo porta ad alcune conseguenze negative che pesano per molto tempo sul bambino, accompagnandolo anche nella sua vita di adolescente e di adulto.
Esse sono: solitudine, arroganza, egoismo, egocentrismo, immaturità, insicurezza (sembra in contrasto con l'arroganza, in realtà ne è la conseguenza), scarsa capacità di comunicazione, scarsa capacità di avere amicizie. Sono facile preda di depressioni quando sono adulti. Hanno difficoltà a trovare il partner.

Commenta
04/05/2010

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Test famiglia

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Calcola la data del parto