Home  
  
  
    Le cause dell'ansia da separazione
Cerca

L'ansia da separazione
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Le cause dell'ansia da separazione

L'ansia da separazione è una componente fondamentale nella crescita del bambino. Essa si presenta solitamente intorno ai 10 mesi e si protrae fino ai due anni quando, nella maggior parte dei casi, la paura del distacco è ormai superata. Tuttavia, per alcuni bambini, l'ansia da separazione si presenta in modo violento ed invalidante condizionando la vita di tutta la famiglia. In questo caso la paura diventa un vero e proprio disturbo che necessita di cure. Per capire in cosa consista esattamente l'ansia da separazione e come combatterla, è necessario procedere per gradi partendo dall'attaccamento tra il neonato ed i genitori.

Le cause dell'ansia da separazione
© Getty Images

Attaccamento mamma e bebè

Ogni bambino si attacca in maniera morbosa alla madre. Questo succede perché essa è la sua unica e primaria fonte di nutrimento ed amore. Non è solo il latte che un neonato cerca nella mamma ma anche e sopratutto l'affetto ed il calore di cui l'essere umano ha bisogno per tutta la vita.

Ci sono diverse correnti di pensiero su come sia meglio comportarsi con i neonati ma sostanzialmente possiamo individuarne due: il metodo distaccato e quello affettuoso.

Nel primo caso gli studiosi sostengono che sia necessario lasciar piangere il bambino per non viziarlo eccessivamente ed evitare una simbiosi troppo forte tra bimbo e madre. Nel secondo invece, l'abbraccio e la consolazione vengono viste come la naturale inclinazione della madre che devono essere concesse al bambino senza remore ne timori.

Quale sia la strada giusta nessuno lo può sapere, ogni genitore sceglie il metodo migliore per se e per i propri figli.

Una mamma incline all'empatia non deve sforzarsi di essere fredda con il figlio altrimenti il rischio è quello che l'attaccamento tra i due non sia sano e naturale.

L'attaccamento è fondamentale non soltanto nella culla ma anche in età adulta. E' sulle relazioni con gli altri che basiamo tutta la nostra vita ed è sulla base di quelle che abbiamo avuto con i nostri genitori che costruiamo tutte le altre.

I genitori devono essere per il bambino una base sicura in cui rifugiarsi in caso di pericolo ma anche un luogo da cui partire per esplorare il mondo.

La teoria di Bolwby e la Strange Situation

Uno dei più grandi studiosi in merito ad attaccamento materno ed ansia da separazione è John Bowlby, uno psicoanalista britannico che pubblicò, nella metà del secolo scorso, diversi trattati su questo tema. Per le sue idee “rivoluzionarie” rispetto ai grandi teorici del passato venne spesso criticato ma le sue teorie vengono studiate ed applicate ancora oggi dagli psicologi infantili e non di tutto il mondo.

Il suo più famoso metodo per individuare una potenziale situazione di ansia da separazione è la “Strange Situation”  ovvero l'osservazione del comportamento del bambino in una particolare situazione sociale.

Per venti minuti il piccolo viene lasciato in una stanza con la mamma ed un estraneo. Inizialmente i tre resteranno tutti insieme ma la madre, ad un certo punto, uscirà dalla stanza lasciando il figlio solo con l'estraneo.

 

Gli stili comportamentali

Dai risultati delle osservazioni dei tre momenti chiave della Strange Situation, Bolwby ha riscontrato 4 diversi stili di comportamento del bambino.

  • Stile Sicuro: il bambino ha fiducia nel genitore e si sente libero di agire e conoscere il mondo esterno. Non soffre per la separazione momentanea della madre e ricerca nell'estraneo un compagno di giochi.
  • Stile Insicuro Evitante: il bambino non ha fiducia nel genitore e pensa di dover contare solo su se stesso per affrontare i problemi. Il distacco dalla madre non è traumatico ma inevitabile e l'estraneo presente non è fonte di alcuna curiosità o aspettativa e viene per questo ignorato completamente.
  • Stile Insicuro Ansioso Ambivalente: il bambino non è sicuro della funzione del genitore, non capisce se si tratti di una figura positiva o negativa in caso di pericolo e di conseguenza non acquisisce fiducia in se stesso o negli altri. Il mondo esterno è fonte di ansia ed il bambino diventa incline a non volersi separare dal genitore che viene visto come unica persona in grado di farlo sopravvivere nel mondo, anche se in accezione negativa.
  • Stile Disorientato o Disorganizzato: appartengono a questa categoria tutti i bambini che, durante il test, non hanno mostrato nessuna caratteristica dei tre stili precedenti. Sono quei bimbi che, dopo la separazione, hanno tenuto comportamenti anomali come gesti ripetitivi ed inconsulti, scatti d'ira etc.

Evoluzione degli stili in età adulta

Un'ansia da separazione non affrontata nel modo giusto può essere fonte di grossi problemi psicologici e relazionali anche in età adulta.

Ogni bambino ricerca dentro di se e nei genitori gli strumenti per relazionarsi con gli altri e con il mondo interno. Se il suo stile è sicuro riuscirà a costruire relazioni positive ed a crescere nel modo corretto ma, se il suo comportamento è invece più incline ad uno degli altri tre, deve essere aiutato dai genitori ad acquisire sicurezza in se e negli altri.

Se questo non avviene, il rischio è che quella che da bambino è una semplice inclinazione, possa trasformarsi in una vera e propria patologia comportamentale.

Commenta
05/07/2011
Caricamento ...

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Test famiglia

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Calcola la data del parto