Home  
  
  
    Conoscere e capire il bullismo
Cerca

Il bullismo
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Conoscere e capire il bullismo

La definizione ufficiale di bullismo è:“Uno studente è prevaricato o vittimizzato, quando viene esposto, ripetutamente nel corso del tempo alle azioni offensive messe in atto da parte di uno o più compagni”...

Conoscere e capire il bullismo
© Getty Images

La caratteristiche principali con cui si manifesta sono l'intenzionalità e la sistematicità dei comportamenti offensivi di uno o più soggetti verso le vittime.

Il primo a teorizzare questo fenomeno fu Dan Olweus che nel 1983 ha effettuato uno studio su oltre 100.000 ragazzi norvegesi tra gli otto ed i sedici anni tramite un questionario sulle prepotenze subite in ambito scolastico. Tra gli intervistati il 9% si definiva vittima di bullismo, il 7% come carnefice e una piccola percentuale assumeva a fasi alterne entrambi i ruoli.

Altri test vennero effettuati negli Stati Uniti qualche anno dopo e la percentuale era risultata salire al 30%.

L'Italia, secondo i moderni studi, si piazza tristemente al primo posto tra i paesi latini per presenza di bullismo nelle scuole con il 40% di vittime nelle scuole elementari ed il 22% nelle scuole medie.

Come funziona esattamente il bullismo

Nella maggior parte dei casi non è un singolo bullo ad agire ma piccoli gruppetti di due o tre persone dai ruoli ben definiti:

  • Il bullo cioè quello che decide in che modo vessare le vittime ed è materialmente l'esecutore della persecuzione.
  • L'aiutante che aiuta il bullo restando in secondo piano.
  • Il sostenitore, quello che incita gli altri due all'azione attraverso le risate e le provocazioni senza quasi mai intervenire a livello fisico.

Un ruolo importante è anche quello svolto dai cosiddetti “esterni” ovvero tutti i ragazzi che assistono alle umiliazioni restando a guardare senza intervenire.

La persecuzione può essere diretta o indiretta. Nel primo caso la vittima viene attaccata davanti a tutti con prese in giro e piccoli dispetti mentre nel secondo la vittima viene isolata ed esclusa intenzionalmente dal gruppo.

Altro aspetto interessante da comprendere è la distinzione tra maschi e femmine.

In genere i maschi hanno vittime di entrambi i sessi senza particolari discriminazioni.

Le ragazze invece difficilmente se la prenderanno con una vittima di sesso opposto ed agiscono quasi sempre in maniera indiretta escludendo la vittima dalla loro cerchia ristretta attraverso pettegolezzi e falsità. Il bullo dei gruppetti femminili viene di solito definito come Ape Regina, attorno alla quale ruotano tutte le altre ed anche le vittime vorrebbero spesso in realtà entrare a fare parte della sua cerchia.

1 Conoscere e capire il bullismo - continua ►

Commenta
19/01/2011
Caricamento ...

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Test famiglia

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Calcola la data del parto