Home  
  
  
    La Baby-sitter
Cerca

A chi affidare il bambino?
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

La Baby-sitter

La Baby-sitter
© Jupiter

Un'altra possibile alternativa all'asilo nido è rappresentata dalla cosiddetta babysitter.
Una persona estranea alla famiglia, che si prende cura del bambino a casa sua oppure nella propria abitazione. Anche questa soluzione presenta aspetti positivi e altri negativi. È molto importante innanzi tutto la scelta accurata della persona a cui affidare il bambino: deve infatti possedere oltre alla serietà e l'onestà nell'esplicare il proprio lavoro, la capacità di comprendere i problemi, i desideri, le espressioni del bambino, che in parte può essere innata e in parte frutto di una, sia pur superficiale, preparazione psicologica e, se possibile, sanitaria. È importante infatti che la babysitter sia comprensiva, materna, che sappia fornire sufficienti stimoli per un valido sviluppo intellettivo del bambino, che sappia come comportarsi quando il bambino ha la febbre o qualche altro disturbo, che sia oculata nel prevenire pericoli e conseguenti incidenti. La bravura e la capacità della baby-sitter non può cancellare il problema del distacco dalla mamma, che comunque permane. Tuttavia, spesso il bambino si affeziona intensamente a questa figura di "vicemadre", specie se la mamma ha saputo presentargliela gradualmente come una persona amica, in modo che egli possa accettarla e idealizzarla come buona. Vi sono anche altri vantaggi connessi a questo tipo di scelta: il minor contatto con altri bambini e quindi una minore probabilità di contrarre malattie, la possibilità di orari più adeguati al lavoro materno e, quindi, minor tensione per la madre; un rapporto privilegiato e diretto tra questa figura e il bambino rispetto al rapporto tra puericultrici e bambini all'asilo nido.
Inoltre rispetto alla nonna, la baby-sitter, non legata al piccolo da un vincolo affettivo così intenso, riesce a viziarlo meno, a essere più razionale, meno emotiva e più obiettiva nell'accondiscendere o meno alle sue richieste.

Commenta
04/05/2010
Caricamento ...

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Test famiglia

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Calcola la data del parto