Home  
  
  
    I nonni "sitter"
Cerca

A chi affidare il bambino?
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

I nonni "sitter"

I nonni
© Jupiter

Dopo aver analizzato i problemi relativi all'asilo nido, si deve prendere in considerazione un altro aspetto dell'assistenza al bambino piccolo. Esiste infatti per alcune mamme la possibilità di affidare il piccolo a una nonna e questo presenta indubbi vantaggi: il legame affettivo, spesso molto intenso, la possibilità di evitare l'insorgenza di frequenti malattie, la disponibilità delle nonne a orari più lunghi, l'assistenza al nipotino eventualmente malato, con minori interruzioni del lavoro materno e minori difficoltà organizzative. Inoltre la mamma suppone che al bambino piaccia molto stare con la nonna, che lo coccola, lo protegge e lo accontenta sempre.
Si sente tranquilla, serena, libera dai sensi di colpa in quanto convinta che questa sia la migliore soluzione per il suo piccolo. Anche per la nonna questa situazione è motivo di gioia e di orgoglio; si sente, ed è realmente, utile; è gratificata dal lavoro e dai sacrifici che compie, riesce ad appagare ancora il proprio innato senso materno. Tutto sembra, quindi, più bello e facile, ma in realtà non è proprio così.
Gli adulti commettono spesso l'errore di ritenere la psicologia del bambino più elementare di quanto sia realmente, non comprendendo che, anche nel caso in cui il bambino è affidato alla nonna, il distacco dalla madre esiste egualmente. Forse sembra meno traumatico poiché avviene nell'ambito familiare, ma in realtà la mamma è la mamma, e il bambino la ama di più rispetto alla nonna e quindi preferirebbe stare con lei. Infatti, nonostante le convinzioni della madre, mentre si trova dalla nonna egli è quieto e buono, la sera a casa, invece, spesso diventa iperattivo, irritabile, capriccioso oppure "mammone".

Mi riesce difficile spiegare alle mamme che questo comportamento è la conseguenza di una normale reazione al distacco. Infatti esse obiettano: "Ma il bambino vuole molto bene alla sua nonna e va volentieri da lei". Questo è vero, ma è proprio qui che si commette l'errore di sottovalutare la psicologia del bambino. La mamma è unica ed insostituibile e i nonni sono i nonni! Sicuramente con il passare dei mesi si stabilisce un intenso legame di affetto, di fiducia nei confronti dei nonni e il rapporto con queste figure è forse uno degli aspetti più belli, più dolci dell'infanzia, che verrà ricordato con
nostalgia negli anni successivi.
Ritengo che sia giusto e doveroso gratificare i nonni per il contributo che danno alla crescita dei nipoti. È vero che, spesso, "viziano" i bambini, ma non colpevolizziamoli!

Commenta
04/05/2010
Caricamento ...

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Test famiglia

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Calcola la data del parto