Home  
  
  
    Il bambino e l'ambiente
Lo sviluppo psicomotorio
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Il bambino e l'ambiente circostante

È molto importante ricordare che non esiste un bambino ideale a cui tutti gli altri debbano essere confrontati, ma che ognuno ha i propri ritmi, rigorosamente naturali e personali, che i "grandi" devono rispettare per il suo bene.

Il bambino e l'ambiente
© Jupiter

Certo l'influenza dell'ambiente è determinante, soprattutto nei primi anni, per concorrere alla normale maturazione delle strutture nervose: se il cervello riceve un maggior numero di stimoli, lo sviluppo dei collegamenti fra le varie cellule e fibre nervose è potenziato e ne consegue una miglior capacità di apprendimento.
Infatti, se si costituisce un maggior numero di collegamenti fra le fibre nervose, l'individuo diventa più capace di realizzare processi di associazione e integrazione tra più percezioni, cioè di elaborare processi mentali molto complessi e più fantasiosi.
Altrimenti la sua capacità di ragionamento rimarrà più semplice e ancorata a un pensiero più concreto. Infatti, si può osservare che i bambini vissuti in ambienti socioculturali molto carenti, con stimoli assai scarsi, o anche bambini che, per svariate cause, non abbiano ricevuto affetto e cure dalla mamma in misura adeguata, hanno un linguaggio povero, scarno, una fantasia meno ricca e spesso, all'epoca della scuola, presentano serie difficoltà nel concentrarsi e nell'apprendere. Non dimentichiamo, tuttavia, che anche un'eccessiva stimolazione può essere dannosa. È sbagliato considerare il cervello del neonato e del bambino come una scatola in cui stipare infinite nozioni o come un computer da riempire di informazioni in modo illimitato, ma neppure eccedere in senso opposto, erigendo una barriera invalicabile fra i bambini e il mondo esterno.
Per fortuna siamo in un'epoca in cui gli stimoli colpiscono i bambini indipendentemente dai genitori; spetta però loro sorvegliare che tutto ciò che arriva al bambino rispetti il suo grado di maturità, la sua individualità e la sua personalità, che va gradualmente delineandosi.

Commenta
04/05/2010

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Test famiglia

Ti preoccupi troppo dei tuoi figli?

Calcola la data del parto